Notizie

Super week-end per Liberatore fra Francia e Germania
domenica 9 febbraio 2020

Federico Liberatore (Pentaphoto)
Federico Liberatore (Pentaphoto)

Un fine settimana da incorniciare per il fassano di Mazzin Federico Liberatore, che sabato centra il miglior risultato in carriera in Coppa del Mondo nello slalom di Chamonix, dove è 11°. Un pomeriggio in macchina per trasferirsi a Berchtesgaden, in Germania, dove riesce a vincere lo slalom di Coppa Europa. Strepitosa due giorni dunque per il poliziotto trentino, che finalmente riesce a far coincidere tecnica, determinazione e velocità.
Sul tracciato tedesco Federico ha centrato il secondo successo stagionale nella competizione superando di 11 centesimi il pericoloso norvegese Lie Atle Mcgrath, primo nella generale. Completa il podio il tedesco Julian Rauchfuss attardato di 88 centesimi. Per l'Italia si tratta della seconda vittoria consecutiva sulla pista di Berchtesgaden dopo la prima posizione conquistata da Roberto Nani nel gigante disputato nella mattinata di sabato 8 febbraio. Può essere soddisfatto anche Fabian Bacher, settimo al traguardo e bravo nel rimontare la bellezza di otto posizioni, mentre Hans Vaccari è 19esimo a 3"65. Zero punti per Tobias Kastlunger, finito fuori pista.
Nella gara di sabato a Chamonix, vinta dal francese Clement Noel, Liberatore è stato bravissimo nel recuperare la bellezza di 19 posizioni: l'undicesimo posto finale è il suo miglior risultato di sempre in Cdm dove precedentemente non era mai stato capace di piazzarsi tra i migliori trenta. Guadagnano punti preziosi anche Riccardo Tonetti, 18esimo, e Tommaso Sala, 20esimo nonostante una caduta. Non hanno partecipato alla seconda manche Simon Maurberger ed Alex Vinatzer, entrambi fuori a causa di una inforcata, oltre a Giuliano Razzoli ed Hans Vaccari.
Peccato per Stefano Gross, il quale aveva chiuso al terzo posto una prima parte di gara disputata in maniera quasi perfetta. Il 33enne delle Fiamme Gialle è andato a terra non riuscendo quindi a portare a casa nessun punto al pari di Henrik Kristoffersen, Alexis Pinturault e Daniel Yule, anch'essi traditi dal tracciato.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,109 sec.