Notizie

Le Fiamme Oro nel centro di Moena dal 1952
giovedì 6 agosto 2020

La Scuola Alpina di Moena
La Scuola Alpina di Moena

LO SAPEVATE CHE... La Scuola Alpina del Corpo della Guardia di Pubblica Sicurezza venne fondata nel 1948 a San Candido, per trovare successivamente la sede definitiva a Moena nel 1952. Sin dal battesimo il Centro Alpino si è distinto per la capacità di scrivere un’importante storia costruita su forti e innovative esperienze umane, professionali, alpinistiche e sportive.
Il grande salto verso la modernità avviene nel 1967 con la costruzione della nuova sede, considerata un’opera all’avanguardia per l’eleganza e la funzionalità che la contraddistingue. La prestigiosa struttura venne intitolata alla Guardia Giuseppe Moschitz, promettente discesista di Tarvisio, deceduto nel 1954 durante i campionati italiani di slalom a Folgaria.
Rinominato nel 1981 «Centro Addestramento Alpino della Polizia di Stato», la caserma Moschitz diventa, a pieno titolo un polo di formazione e di addestramento altamente specializzato per quanto riguarda la sicurezza in montagna, sia estiva che invernale.
La missione principale del Centro Addestramento Alpino, oggi come ieri, è quella di erogare un’offerta formativa altamente qualificata mirata ad abilitare operatori nella Polizia di Stato, nonché di altre Forze di Polizia italiane e straniere, che per necessità operative devono essere in grado di muoversi e garantire sicurezza in contesti montani, anche impervi e a volte pure in ambiti urbani.
L’esigenza di firmare e di addestrare guardie in grado di sorvegliare i confini montani dopo la guerra, spiega la nascita della Scuola Alpina del Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza. Solo la conoscenza a fondo delle tecniche di progressione, il possesso di un idoneo materiale e la frequenza assidua della montagna, permette ai giovani poliziotti di affrontare al meglio la durezza e i pericoli presenti in questo particolare ambiente. Ed è proprio da tutto ciò, da una grande passione per la montagna e da una accurata selezione che scaturisce un gruppo di uomini presso la Scuola Alpina, prima a San Candido, e poi a Moena, che formerà la prima équipe degli istruttori, uomini in grado di aprire vie di roccia oppure capaci di cimentarsi nel mondo dello sci agonistico; una fusione di idee e di energie che consentiranno di dare vita a corsi di addestramento all’avanguardia e costantemente aggiornati nel corso dei successivi decenni. Dal connubio uomo – montagna - sport, si crea una nuova filosofia. Nasce così una «Polizia della montagna», efficace e vicina alla gente, una Polizia che mette in primo piano la sicurezza degli operatori e di tutti coloro che, frequentano, a vario titolo la montagna.

Il Gruppo Sportivo Fiamme Oro


Anche il Gruppo Sportivo Fiamme Oro, come la storia del Centro Addestramento Alpino, vede i suoi albori a San Candido del 1949. Lassù, vicino al confine con l’Austria, iniziano le prime partecipazioni degli atleti poliziotti, alle gare di squadra con gli altri corpi militari. I pionieri di queste epiche sfide hanno aperto un capitolo successivamente tramandato di generazione di atleti con la divisa della Polizia di Stato. Lo sport inteso come forte valore morale, spirito di sacrificio, lealtà, determinazione, senso di appartenenza; valori che ancora oggi caratterizzano il mondo militare e delle Forze dell’Ordine.

Il Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro di Moena, annovera tra le sue fila quasi tutte le specialità degli sport invernali. Dallo sci alpino allo sci nordico, dal salto con gli sci alla combinata, al biathlon, al pattinaggio velocità e al bob. Gli atleti in divisa si allenano con costanza e puntiglio per partecipare alle competizioni nazionali, di Coppa Europa e di Coppa del Mondo. Ma il momento più carico di soddisfazione e di significato, avviene quando gli atleti color cremisi, gli alfieri dello sport nella Polizia, partecipano ai Campionati Mondiali e alle Olimpiadi.
Il Centro Nazionale Sport Alpini di Moena è coordinato, ormai da quasi un anno, dai due Coordinatori del Gruppo Sportivo Fiamme Oro Luca De Manincor e Diego Dellasega, che sono subentrati ad Igor Cigolla che ha rivestito questo ruolo per più di 3 lustri.

La squadra cinofila


Costituita nel 1982 e potenziata nei primi anni del 2000, la squadra cinofila specializzata in interventi di soccorso alpino è un altro punto di forze del Centro Addestramento Alpino. E’ un tea, formato da cinque unità cinofile addestrate per la ricerca di persone in superficie o travolte in valanga.

Addestramento, competenza e professionalità


Fin dalle sue origini il Centro Addestramento Alpino ha creduto nell’alta specializzazione e ha investito tempo, risorse umane e finanziarie nella formazione di operatori specializzati che hanno composto il team degli istruttori. Questa attività di formazione e aggiornamento ha permesso di ottenere un duplice risultato. Ha garantito la presenza in sede di professionisti della sicurezza in montagna in grado di intervenire per la ricerca ed il Soccorso Alpino e la Protezione Civile e, in secondo luogo, ha consentito di organizzare corsi di alto livello volti a formare i poliziotti appartenenti ai vari reparti della Polizia di Stato. Negli anni che seguono il Centro Addestramento Alpino è diventato un riferimento per la formazione in montagna, sia invernale che estiva, non solo per i poliziotti italiani ma anche per altre Forze di Polizia estere, come la Polonia, la Croazia, la Germania e per Enti pubblici e privati che si occupano di montagna nelle sue diverse declinazioni.
Da ottobre 2019 il Centro Addestramento Alpino è diretto dal Vice Questore Stefano Valeri.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,109 sec.