menu
Sci Alpino

Goggia da record, Pirovano addirittura quarta

Laura Pirovano (Pentaphoto)
Laura Pirovano (Pentaphoto)

Sofia Goggia da record. Dopo la splendida vittoria nella prima discesa, accorciata, di Crans Montana, la finanziera bergamasca offre la replica, la migliore possibile, questa volta percorrendo tutta la pista al completo e mettendo in mostra una compostezza e una velocità d'azione inarrivabili per le altre atlete.
Ma sorprende ancora una volta pure la rendenese di Spiazzo Laura Pirovano, che a pochi giorni dal suo miglior piazzamento in Coppa del Mondo, si migliora ancora e chiude la sua splendida prestazione con un quarto posto assoluto a soli 82 centesimi dalla vincitrice e a 22 centesimi dal terzo gradino del podio che è stato appannaggio di un’altra azzurra: Elena Curtoni.
“Sono contentissima della mia prova – ha commentato la forte sciatrice trentina - anche perché questa è una pista difficile e interminabile e non nascondo di aver fatto molta fatica. Nel mio cuore sono gigantista, ma per il momento i risultati stanno arrivando dalla discipline veloci, ma sicuramente non mollerà il gigante che già mi ha regalato una medaglia ai mondiali junior”. Con questo risultato la Pirovano si è praticamente guadagnata il pass per i Campionati Mondiali di Cortina.
Tornando invece al successo di Sofia Goggia, la quarta consecutiva, l’undicesima in carriera, l’alloro di oggi ha un significato straordinario perché rappresenta la vittoria numero 100 nella storia dello sci alpino femminile italiano.

Per gli amanti delle statistiche, l'impresa della Goggia rappresenta il sesto back-to-back della storia dello sci italiano : atleti che hanno vinto in due giorni consecutivi, due gare della stessa specialità nella stessa località. Il primo fu Gustavo Thoeni, che vinse due giganti a Madonna di Campiglio nel 1970, poi Deborah Compagnoni che vinse due giganti a Zwisel nel 1997, quindi Isolde Kostner, che vinse due discese consecutive a Lake Louise nel 2001, Poi Dominik Paris con lo splendido doppio successo di Bormio nel dicembre 2019, quindi Marta Bassino, pochi giorni fa a Kranjska Gora con la splendida doppietta in gigante. E ora è arrivato il turno di Sofia Goggia.

E poi ancora con Federica Brignone, nona a 1"26. Fanno quattro azzurre nelle dieci e tre nelle prime quattro: un dominio totale sulla Mont Lacheaux di Crans Montana.
Bene anche Nadia Delago che si inserisce al 13/o posto con un ritardo di 1"44, mentre Francesca Marsaglia è 19/a a 1"66 e Roberta melesi 24/a a 2"16.

Ed è sempre più pettorale rosso per la Goggia che quasi doppia le avversarie con i suoi 480 punti, contro i 285 della Johnson e i 270 della Suter. E con il successo odierno, Goggia sale al terzo posto della generale con 654 punti, contro gli 861 della Vlhova e i 741 della Gisin.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,391 sec.
aperte le iscrizioni