menu
Varie

L'ultimo saluto a Roberto Sartori

Roberto Sartori
Roberto Sartori

I famigliari, gli amici, il mondo sportivo in particolar modo quello legato alla Federsci e alla Federorienteering ha dato l’ultimo saluto nella chiesa di Gardolo al grande uomo di sport Roberto Sartori, scomparso per un malore improvviso a soli 71 anni.
Roberto è sempre stato in prima linea con grande passione e altruismo, sia come giudice di gara delle discipline nordiche del Comitato Trentino della Fisi, ma pure come presidente dell’Asd Gronait Orienteering Team dall’anno 2004, dopo che nel 1981 era stato anche uno dei fondatori del Gruppo sportivo Elledue di Lavis. Dove c’erano sport di impegno e fatica lui era sempre presente, soprattutto come organizzatore di eventi in particolar modo sull’Alpe Cimbra. A Passo Coe ogni anno proponeva eventi di sci fondo, validi per i campionati italiani cittadini e master, la Base Tuono Marathon, e da una decina d’anni aveva deciso di prendersi in dote una competizione con un passato prestigioso come il Trofeo del Barba, sia delle specialità sci fondo sia sci alpino.
Sempre con il sorriso sulle labbra e con una invidiabile serenità anche quando gli eventi proponevano momenti stressanti, era in grado di organizzare, assieme al suo staff e a Paola Donà, competizioni di ogni valenza, dalle gare dei circuiti trentini Fisi ad appuntamenti con validità tricolore o internazionale, grazie ad un’esperienza maturata in tanti anni di sfide.
Per il movimento degli sport invernali del Trentino la scomparsa di Roberto Sartori, rappresenta una perdita incolmabile. Il presidente di Fisi Trentino Tiziano Mellarini, assieme al consiglio regionale e a tutti i giudici di gara della Federsci si stringe attorno alla famiglia di Roberto in questo momento doloroso.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,438 sec.