menu
Sci Alpino

De Aliprandini pronto a lasciare il segno a Soelden

Luca De Aliprandini
Luca De Aliprandini

Domani mattina (sabato 22 ottobre) scatta la Coppa del Mondo di sci alpino, con il tradizionale opening sul ghiacciaio austriaco del Rettenbach di Soelden. Il programma prevede il gigante femminile (prima manche ore 10.00, seconda alle 13.05 con diretta televisiva su Raisport ed Eurosport), dove l’Italia vanta nella storia tre vittorie (Marta Bassino nel 2020 davanti a Federica Brignone, la stessa Brignone nel 2015 e Denise Karbon nel 2007) e undici piazzamenti complessivi sul podio. Domenica invece spazio invece agli uomini con la prima manche prevista alle ore 10.00 e la seconda alle ore 13.00, sempre in diretta televisiva su Raisport ed Eurosport. La squadra azzurra nel maschile ha collezionato due podi negli annali dello sci: Massimiliano Blardone secondo nel 2004 e Manfred Moelgg secondo nel 2012.
Sono già state definite anche le due formazioni con il direttore tecnico Gianluca Rulfi a convocare sette atlete della nostra squadra: Marta Bassino, Federica Brignone, Karoline Pichler, Roberta Melesi, Elisa Platino, Ilaria Ghisalberti e Asja Zenere. Di seguito il bilancio delle convocate nella gara austriaca. Il direttore tecnico Massimo Carca ha convocato, invece, nove atleti per il gigante maschile. Si tratta di Giovanni Borsotti, Luca De Aliprandini, Filippo Della Vite, Giovanni Franzoni, Alex Hofer, Simon Maurberger, Dominik Paris, Riccardo Tonetti e Hannes Zingerle.
L’unico trentino in gara è Luca De Aliprandini, intenzionato più che mai a lasciare il segno, seppure il pendio di Soelden non sia quello che predilige. Ecco le sue impressioni alla vigilia dello start: “Gli anni scorsi ero molto a corrente alternata: magari una manche bene e una con qualche errore. Adesso l’obiettivo è essere lì a lottare per vincere ogni gara. Soelden è sempre una gara un po’ particolare perchè viene sempre un po’ presto e c’è sempre un punto di domanda su quanto anche sei pronto; un test precoce prima di un’altra pausa fino alle gare di dicembre. Ho fatto delle belle gare, non eccezionali però voglio partire con il piede giusto cercando di fare bene. Ci sono ancora tante gare prima dei Mondiali e non abbiamo mai provato la pista di Courchevel. Sicuramente quello è l’obiettivo ma voglio pensare gara per gara visto che manca ancora parecchio”.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,484 sec.