menu
Comitato

Fisi del Trentino ha presentato la stagione

I protagonisti di FISI Start alle Cantine Marzadro
I protagonisti di FISI Start alle Cantine Marzadro

È tempo di indossare il pettorale per la Federazione Italiana Sport Invernali del Trentino, per i suoi 90 sci club affiliati e per gli oltre 8000 tesserati in vista della nuova stagione sportiva e organizzativa, che ha fatto il suo esordio con l’evento «FisiStart» presso la Distilleria Marzadro di Nogaredo e al cancelletto già lunedì 5 dicembre con la prima Fis di sci alpino all’Alpe del Cermis. E non si poteva che scegliere un giorno migliore per celebrare l'avvio della stagione se non quello che ha visto la combinatista Annika Sieff salire sul podio in Coppa del Mondo a Lillehammer e il ritorno in gara della campigliana Laura Pirovano giunta 23esima nella discesa vinta da Sofia Goggia a Lake Louise. E in sala c'era pure la slalomista roveretana Martina Peterlini, che ha ufficializzato il suo ritorno in Coppa del Mondo a fine dicembre a Semmering.
Per il movimento presieduto da Tiziano Mellarini, che vanta ben 89 anni di storia, 13 medaglie olimpiche, 43 medaglie mondiali e ben 78 medaglie ai mondiali giovanili, sta per prendere il via una stagione che si annuncia particolarmente intensa in quanto a competizioni in calendario nelle 12 discipline che si praticano sulle nostre piste. Oltre a Mellarini, che ha snocciolato numeri impressionanti, a ribadire il concetto ci hanno pensato pure il vice presidente vicario della Fisi Stefano Longo, il presidente del Collegio dei Revisori dei Conti Elio Grigoletto, e il presidente del Coni Trento Paola Mora, nonché tutti i componenti del neo eletto Consiglio Regionale Trentino della Fisi.
Quelli contenuti nell’Agenda FISI 2023, il prezioso vademecum che raccoglie l’anima dell’universo degli sport della neve, compresi tutti i calendari agonistici, sono infatti numeri robusti. Nel dettaglio le manifestazioni proposte da dicembre ad aprile sono ben 246, per complessive 1002 gare di categoria, delle quali il 55% circa sono di sci alpino, e più precisamente 136, il 22% di sci di fondo con 54 eventi, quindi 12 di biathlon, 12 di salto e combinata nordica, 8 di skicross, 8 di snowboard, 5 di sci alpinismo, 4 di freestyle, 4 di slittino, 2 di sci d’erba.
In quanto a validità in Trentino andranno in scena 2 eventi di Coppa del Mondo, 3 di Coppa Europa, 6 eventi top di caratura internazionale, 6 appuntamenti di Campionato italiano.
Sarà soprattutto un inverno in modalità young quello ormai alle porte, perché, oltre agli appuntamenti prestigiosi, gli eventi con validità internazionale sono ben 54, senza dimenticare le 6 competizioni di campionato italiano, la maggior parte dei quali con protagonisti sciatori delle categorie under. A partire dal Trofeo Coni invernale, inserito come manifestazione di apertura del quadriennio Olimpico di Milano – Cortina 2026 e che si disputerà per la prima volta nella storia dopo un’edizione promozionale pre covid. L’appuntamento è previsto per il fine settimana del 17 e 18 dicembre ed è riservato agli under 14 provenienti da tutta Italia che gareggeranno nello sci alpino a Pinzolo, nello sci di fondo a Passo Campo Carlo Magno, nello snowboard e skicross a Madonna di Campiglio, nel salto e combinata a Pellizzano e nel biathlon in Val di Rabbi. Lo stesso fine settimana ci sarà poi spazio all’Arge Alpe, evento under 16 di sci alpino che coinvolge le comunità delle regioni alpine ed avrà come teatro le piste dell’Alpe Cimbra. E sempre in tema giovani tornano a gran carriera i due eventi internazionali, ex trofeo Topolino, Skiri XTrophy a Tesero e AlpeCimbra Fis Children Cup a Folgaria. A livello internazionale da non perdere poi la prima edizione della Fis New Star Trophy di salto speciale giovani a Predazzo, in modalità under 15.
Da segnare in rosso poi l’intramontabile 3Tre di slalom di Madonna di Campiglio il 22 dicembre, la tre giorni finale del Tour de Ski in Val di Fiemme dal 6 all’8 gennaio, i due appuntamenti di Coppa Europa di sci alpino a San Giovanni di Fassa il 16 dicembre con lo slalom maschile e di Folgaria il 6 e 7 febbraio con due slalom gigante maschile. E poi spazio anche allo skicross il 23 e 24 marzo a Passo San Pellegrino con la due giorni di Coppa Europa. Da focalizzare poi la 30esima Lagorai Cima d’Asta di sci alpinismo il 12 marzo e 6 eventi tricolori di sci alpinismo a Vermiglio, di fondo under 20 e under 23 a Tesero, under 14 a Vermiglio, quindi di salto e combinata a Pellizzano e Predazzo, per finire con il Criterium Nazionale Cuccioli di sci alpino il 18 e 19 marzo a Folgaria.
Oltre all’aspetto organizzativo il Comitato Trentino FISI ha come priorità la crescita agonistica dei giovani sciatori di tutte le discipline per traghettarli nelle squadre nazionali. Per la stagione 2022/23 gli «aquilotti» che indossano la tuta azzurra sono ben 82 e 40 i tecnici con vari compiti. Rinnovate anche le squadre agonistiche di Fisi del Trentino, federazione che si distingue per il fatto che gestisce direttamente i migliori talenti provinciali seguiti da tecnici con esperienza internazionale e figure professionali di supporto, grazie al prezioso supporto della Provincia Autonoma di Trento e di Trentino Marketing. I giovani atleti inseriti nelle squadre di Comitato Trentino sono in totale 163 seguiti da 49 allenatori federali.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,734 sec.