menu
Sci Alpinismo

In Paganella si assegnano i tricolori vertical di skialp

Robert Antonioli e Damiano Lenzi nella gara dello scorso anno (foto Piazzi)
Robert Antonioli e Damiano Lenzi nella gara dello scorso anno (foto Piazzi)

Domenica prossima i Campionati italiani di skialp tornano, per il secondo anno consecutivo, nella skiarea Paganella e assegneranno i titoli vertical race di tutte le categorie. C’è grande interesse in ambito nazionale per questo primo appuntamento tricolore sia nelle gare assolute, sia nelle sfide giovanili. La competizione più attesa è senza dubbio la senior maschile, che vedrà il campione italiano uscente Michele Boscacci andare a caccia del bis proprio sulla montagna che lo vide trionfare nel dicembre 2021, ma non avrà sicuramente vita facile. Intenzionati a strappargli lo scettro sono l’esperto Robert Antonioli di Valfurva, lo skialper di casa Federico Nicolini, che due anni fa vinse la tappa italiana di Coppa del Mondo della specialità, ma pure il vermigliano Davide Magnini, che ha ritrovato la condizione in questo inizio di stagione. Quindi i vari Andrea Prandi, Nicolò Ernesto Canclini, Matteo Sostizzo, Nadir Maguet e tanti giovani interessanti.
In campo femminile occhi puntati su Giulia Murada, Ilaria Veronese, Alba De Silvestro, le trentine Lisa Moreschini ed Elena Nicolini, Katia Mascherona e Giulia Compagnoni. In totale sono attesi oltre 200 atleti delle categorie senior, under 23, under 20, under 18, under 16, master e pure una gara promozionale per under 12 e under 14.
La novità dell’ultima ora riguarda invece la decisione di aprire l’evento, grazie alle capacità organizzative dello Sci club Brenta Team e del Consorzio Paganella Ski, alla formula open, con la possibilità di vedere in gara atleti stranieri. E proprio in seguito a questa decisione domenica indosseranno il pettorale gli atleti della nazionale cinese, allenata dal tecnico italiano Oscar Angeloni e in ritiro in questi mesi al Passo del Tonale. Un team che sta cercando di crescere in vista delle Olimpiadi del 2026 e che schiererà sulla Paganella ben 21 skialper delle varie categorie. Inoltre potrebbe essere in gara anche il forte austriaco Jakob Hermann.
Rispetto al percorso dello scorso anno gli organizzatori hanno deciso di cambiare versante, concentrando la gara sulle verticalità di Fai della Paganella. Le previsioni meteo sono in linea con quelle dell’ultima edizione, visto che è attesa una nevicata proprio durante lo svolgimento delle gara nel pomeriggio di domenica.
Per raggiungere il campo gara atleti e pubblico potranno usufruire della seggiovia Santel di Fai della Paganella per salire fino al rifugio Meriz, dove prenderà il via la gara senior, under 23 e master, mentre le altre categorie partiranno più in quota, con l’arrivo unico per tutti i concorrenti in cima alla Paganella a quota 2.125 metri.
Ad aprire le danze spetterà alle gare promozionali under 12 e under 14 a quota 1.800 sulla pista Nuvola Rossa: ore 14. Alle 14.15 toccherà dallo stesso punto agli under 16 maschi e femmine, quindi a Malga Fai (1.670 metri di quota) alle 14.20 scatterà la sfida under 18 e alle 14.35 spazio agli under 20 dallo stesso posto. Le ultime a scattare sono le categorie assolute (compresi under 23 e master) alle 14.45 da località Meriz.
A gare finite atleti, tecnici e tifosi scenderanno ad Andalo, dove alle ore 17 in piazza Dolomiti è prevista la premiazione di tutte le categorie.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,547 sec.