menu
Sci d'erba

Premiati i quattro moschettieri iridati dello sci d'erba

I quattro medagliati con tecnici e autorità
I quattro medagliati con tecnici e autorità

Anche il Comitato Trentino della Fisi ha i suoi quattro moschettieri. Un poker di atleti della disciplina dello sci d’erba che, a colpi di fioretto, hanno fatto incetta di medaglie ai recenti campionati mondiali assoluti e junior 2023. Quattro sciatori che hanno ottenuto ben sette medaglie iridate, due d'oro, tre d'argento e due di bronzo e che sono stati premiati presso Sala Rusconi a Casa Coni di Trento dal presidente della Fisi del Trentino Tiziano Mellarini e dalla presidente del Coni Paola Mora.
Il D’Artagnan dell’estate risponde al nome di Andrea Iori, 18enne di Bleggio Superiore che difende i colori dell’Agonistica Campiglio Valrendena Ski Club capace di incoronarsi re incontrastato nella specialità dello slalom gigante, visto che ha vinto il titolo mondiale sia nella categoria assoluta nella gara di Cortina d’Ampezzo, sia nella rassegna junior a Rettenbach, in Austria. Inoltre, sempre ai mondiali junior, è riuscito a mettersi al collo la medaglia di bronzo nello slalom speciale e, dulcis in fundo, ha pure ottenuto il terzo posto nella generale di Coppa del Mondo nel superG.
Non gli è stato sicuramente da meno il 23enne roveretano dello sci club Città di Rovereto Daniele Buio, autore di un inizio stagione entusiasmante, culminato con una medaglia d’argento nello slalom speciale ai campionati mondiali assoluti di Cortina, dopo aver sfiorato il podio nelle altre gare in programma. A chiudere in bellezza la stagione sono poi arrivati i due terzi posti nella classifica generale overall e della disciplina dello slalom gigante, a testimonianza dell’alto livello delle sue prestazioni.
Le altre medaglie sono arrivate dai giovani Alex Galler, 19enne di Levico Terme, doppio argento in supercombinata e nello slalom speciale ai mondiali junior e Nathan Seganti, 17enne di Riva del Garda, che è salito sul terzo gradino podio nella super combinata grazie ad una rimonta nella seconda run fra i pali stretti sulla pista del Rettenbach.
Risultati che testimoniano l’alto livello raggiunto dalla disciplina dello sci d’erba in Trentino, come ha evidenziato il tecnico trentino della nazionale e del Comitato Roberto Parisi, assieme al consigliere referente Stefano Stelzer e al responsabile di settore Michele Ballardini. Un movimento in salute, testimoniato anche dalle altre medaglie mondiali e tricolori centrate negli anni scorsi e dal numero di convocati per i due campionati mondiali 2023. Ai campionati mondiali assoluti di Cortina sui 16 convocati complessivi ben 7 sono infatti trentini, e oltre ai quattro medagliati il direttore tecnico Fausto Cerentin e l’allenatore responsabile Roberto Parisi, fra l’altro esperto tecnico trentino, avevano convocato anche le tre ladies Ambra Gasperi dello sci club Pinzolo, Elena Iori dello Sci club Bolbeno e Federica Libardi dello Sci club Panarotta. Le ultime due ragazze facevano parte poi anche del quartetto trentino che invece era stato convocato per i mondiali junior del Rettenbach.

I quattro medagliati con tecnici e autorità
I quattro medagliati con tecnici e autorità

Le medaglie Mondiali degli atleti trentini

ANDREA IORI (Agonistica Campiglio Valrendena Ski Club)
1° Slalom Gigante Campionati Mondiali Assoluti – Cortina d’Ampezzo
1° Slalom Gigante Campionati Mondiali Junior – Rettenbach (Aut)
3° Slalom Speciale Campionati Mondiali Junior – Rettenbach (Aut)
3° Classifica SuperG Coppa del Mondo 2023

DANIELE BUIO (Sc Città di Rovereto)
2° Slalom Speciale Campionati Mondiali Assoluti – Cortina d’Ampezzo
3° Classifica generale Coppa del Mondo overall 2023
3° Classifica Slalom Gigante Coppa del Mondo 2023

ALEX GALLER (Sc Levico)
2° Super Combinata Campionati Mondiali Junior – Rettenbach (Aut)
2° Slalom Speciale Campionati Mondiali Junior – Rettenbach (Aut)

NATHAN SEGANTI (Falconeri Ski Team)
3° Super Combinata Campionati Mondiali Junior – Rettenbach (Aut)

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,844 sec.