menu
Sci Alpinismo

Moreschini è argento agli europei skialp under 23

Lisa Moreschini, sorridente per l'argento europeo (foto Ismf)
Lisa Moreschini, sorridente per l'argento europeo (foto Ismf)

Lisa Moreschini si è messa subito in evidenza nella prima giornata dei campionati europei di sci alpinismo, a Flaine, in Francia, centrando subito una medaglia d’argento nelle gara individual under 23, in una giornata che ha regalato complessivamente ben 8 medaglie all’Italia. La 22enne di Pejo, arruolata con le Fiamme Gialle, ha ottenuto il nono tempo assoluto, ma fra le espoir è stata preceduta solo dall’atleta di casa Margot Ravinel, autrice di un tempo miglior di 55 secondi. Un argento che vale molto dunque per Lisa Moreschini in questo inizio di stagione, in una gara dove è giunta pure la medaglia di bronzo della valdostana Noemi Junod.
In chiave italiana da segnalare la medaglia di bronzo assoluta della veneta Alba De Silvestro, mentre gli altri podi azzurri sono stati ottenuti dal valtellinese Luca Curioni, trionfatore nella prova under 18, oro europeo davanti al veneto Enrico Pellegrino. E’ poi arrivata una medaglia d’argento under 20 per il valtellinese Simone Compagnoni con Melissa Bertolina e Martina Scola argento e bronzo tra le under 18.
Per quanto riguarda la prova senior femminile, la ventottenne bellunese De Silvestro ha completato la gara in 1h23’35”68 preceduta solamente dalla svedese Tove Alexandersson (1h19’36”09) e dalla francese Celia Perillat Pessey (1h22’14”41). Per De Silvestro si tratta della seconda medaglia di bronzo continentale nella specialità dopo l’identico piazzamento colto nell’edizione 2022 sulle alture pirenaiche.
Ai piedi del podio, quarto posto per la spagnola Ana Alonso Rodriguez con la valtellinese Giulia Compagnoni in settima piazza, la trentina Lisa Moreschini nona e medaglia d’argento tra le under 23, Noemi Junod 12esima e bronzo U23 e Katia Mascherona 14esima con il quinto posto under23 a completare il quadro dei piazzamenti azzurri.
Azzurri che si sono invece assestati ai piedi del podio nella gara maschile dominata dallo svizzero Remi Bonnet. Il favorito della vigilia ha fermato il cronometro sull'1h04’31”09 superando i due francesi Xavier Gachet e Thibault Anselmet, staccati rispettivamente di 1’03 e 2’43. Quarta piazza per l’altro svizzero Aurelien Gay tallonato dal terzetto italiano composto nell’ordine da Nadir Maguet, Robert Antonioli e Michele Boscacci, racchiusi tra la quinta e la settima piazza. Dodicesimo invece Matteo Eydallin, con Matteo Sostizzo (ottavo U23) e Luca Tomasoni (nono U23) che hanno chiuso in 20esima e 21esima posizione.
Medaglia d’argento quindi per Simone Compagnoni nella prova under 20: l’azzurrino è stato superato solamente dal francese Jules Raybaud con l’altro transalpino Elliot Robin Saje a completare un podio mancato di poco da Hermann Debertolis e Edoardo Mottini, quarto e quinto sul traguardo. Successo norvegese invece tra le under 20 per merito di Ida Waldal, oro davanti alla francese Louise Trincaz e all’andorrana Lea Ancio Havet; quarta piazza quindi per l’azzurra Clizia Vallet mentre Anna Pedranzini ha ottenuto il nono posto.
Irresistibile doppietta azzurra nella prova under 18 che ha visto Luca Curioni dominare la scena con 32”82 di vantaggio sul compagno di squadra Enrico Pellegrino; il bronzo è finito al collo dello svizzero Arno Mooser con Lorenzo Milesi decimo.
Doppia medaglia italiana anche al femminile, dove il titolo europeo U18 è andato alla spagnola Laia Selles Sanchez: alle sue spalle c’è solo l’Italia con Melissa Bertolina argento, Martina Scola bronzo e Vanessa Marca in quarta piazza.
I Campionati Europei di Chamonix proseguono con le sprint in programma mercoledì 10 mentre giovedì sarà la volta delle prove vertical prima del finale riservato alla staffetta mista previsto per venerdì 12 gennaio.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,797 sec.